25 marzo 2009

Interviste Venice Sessions

Dico e scrivo sempre che quello che ci manca in Italia e' raccontare le storie di successo ai giovani (io ormai son vecchio...). Un laureato Americano guarda a Brin e Page, vuole diventare imprenditore di successo. Uno Italiano non ha modelli da seguire. Non perche' non ci siano, perche' non se ne parla mai. I telegiornali Italiani sono sempre pieni delle solite facce, e chi parte da zero e costruisce qualcosa di successo e' perfino visto male ("un arricchito"). Secondo me e' un errore madornale. Per questo le interviste Venice Sessions sono una sorgente fantastica per i giovani che vogliono provare a cambiare il belpaese. Ogni tanto gli scappa un intervista a qualcuno che il successo deve ancora dimostrarlo (vedi sotto) ma il resto e' sicuramente valido ;-)

17 marzo 2009

Controesodo - Il ritorno dei talenti

Alessia Mosca qualche mese fa mi ha parlato di Controesodo, un'iniziativa bipartisan (gasp!) per gli Italians. L'idea e' di favorire il "ritorno dei cervelli" con una serie di iniziative tipo lo Scudo Fiscale: prevede vantaggi fiscali per i residenti all'estero da almeno due anni, che si trasferiscono in Italia per iniziare una nuova attivita'. Chi apre una partita IVA puo' contare su consistenti vantaggi fiscali per tre anni.

A me l'iniziativa piace un bel po'. Funambol ha contribuito a rimpatriare diversi Italians, che sono venuti a lavorare nell'ufficio di Pavia. Se si creano aziende "giuste" con i capitali, i ragazzi tornano volentieri. Se vogliamo creare una Silicon Valley in Italia, e' probabile che molta della spinta arrivi proprio da chi e' uscito e rientra. Come e' successo in Israele, India e Cina. Da noi meno (o zero).

E allora viva le iniziative bipartisan intelligenti. Proprio perche' rare vanno segnalate e spinte. Lunedi' 23 marzo ci sara' un evento a Milano, animato ancora una volta da Beppe Severgnini. Appuntamento alle ore 18,00 on line e presso la sala Dino Buzzati di via Balzan 3 (angolo via San Marco 21). L'ingresso e' libero ma la partecipazione va confermata al numero 02.89076290.

16 marzo 2009

Il Gymnasium cerca CEOs

Le idee in Italia non mancano. Ne sento di brillanti, tutti i giorni. Pero' tante volte sono presentate male, o da persone che non hanno un approccio business al problema perche' "troppo tecnici". Niente di negativo, basta saperlo e cercare un partner che si occupi della componente business. Non e' semplice, perche' di solito i giri sono separati. Pero' e' necessario per creare aziende di successo.

Per le aziende di Mind The Bridge Gymnasium abbiamo un problema ulteriore: il business e' gestito dalla Silicon Valley. Ci vogliono persone speciali, che parlino bene l'inglese, che siano qui o che ci siano state e che vogliano tornarci. E, ovviamente, che capiscano di business ;-)

Se vi riconoscete nel profilo di cui sopra (e sotto), fateci sapere. Ci sono diverse startup che hanno ricevuto finanziamenti in Italia e che vogliono venire in Silicon Valley (e.g. ci sono i denari). Se riusciamo a presentargli un CEO potenziale Italiano qui, le cose si possono accelerare notevolmente. E si arriva prima alla Silicon Valley in Italia...

11 marzo 2009

Mind the Bridge Gymnasium

Ultimamente, diverse persone mi hanno chiesto "ma che fine ha fatto il Gymnasium?". E' vivo e vegeto, anzi l'idea si e' allargata. Abbiamo fatto il merger con Mind the Bridge: io sono entrato nel board di MtB e il Gymnasium adesso si chiama Mind the Bridge Gymnasium. Abbiamo degli spazi fisici di fronte al mio ufficio a Redwood City, presso Plug&Play, due startup di MtB gia' "incubate" temporaneamente e un paio in arrivo prima dell'estate. Insomma, avanti a tutta forza!

Per ulteriori informazioni, l'URL e' http://www.mtbgym.com.

5 marzo 2009

Working Capital

Le cose si muovono in fretta nel Bel Paese. L'innovazione sta accelerando. Oggi Telecom Italia ha presentato una splendida iniziativa, che si chiama Working Capital. Sono 5M di beni in natura (server, infrastruttura, etc.). Non tanti ma molto piu' di quanto siano serviti ai fondatori di Google (non per altro, lo slogan "Tocca a te" e' scritto con il font Google). La mente geniale dietro Working Capital e' Salvo Mizzi. Il progetto e' supportato direttamente da Franco Bernabe', Amministratore Delegato di Telecom Italia, che e' un segnale molto importante. Gianluca Dettori di Dpixel fa l'advisor, ed e' una garanzia. Insomma, una gran bella idea. Piu' dettagli nella slide qui sotto. L'URL e' http://www.workingcapital.telecomitalia.it/.